Associazione “CENTRO AMICIZIA”

Noi abbiamo un sogno, il tuo!

La nostra è un’associazione non profit, “Centro Amicizia”, che nasce a Napoli- Quartieri Spagnoli e che oggi ha la sua sede legale nel Quartiere Chiaia; opera secondo il Carisma Vincenziano a favore delle fasce più deboli, con particolare attenzione agli adolescenti e giovani dei quartieri compreso il sostegno alle famiglie.

Fulcro della nostra “missione” è:

  1. La lotta alle discriminazioni, alla povertà sociale, alla povertà educativa, attraverso percorsi fondati su:
  • Educazione al rispetto dell’altro,
  • Riconoscimento dei valori della diversità come risorsa e non come fonte di disuguaglianza.
  1. Lo “Star Bene” inteso come possibilità di assumere un atteggiamento positivo che consenta, al giovane o adolescente che sia, di essere protagonista del proprio processo formativo, che gli consenta di “essere” e di “stare” al mondo nel migliore dei modi.

Aiutare i ragazzi a costruire un ambiente che si renda promotore dello sviluppo di una coscienza critica, individuale e sociale, nonché del benessere emotivo, essenziale per coltivare l’apprendimento.

Il cambiamento è necessario per combattere il disagio e per favorire la cultura del benessere; dove per benessere non si intende necessariamente assenza di conflitto ma un confronto sano e chiaro senza prevaricazioni né sfide.

Da qui nasce il Progetto “Noi abbiamo un sogno”

  • Aiutare coloro che per svariati motivi, siano essi, culturale, familiare o economico, vivono l’abbandono scolastico, al fine di offrire loro la possibilità di riprenderli in una fase successiva offrendo ad essi metodi didattici personalizzati e più flessibili rispetto alle scuole tradizionali (vedi anche scuole serali); quelli invece che non possono riprendere tale percorso, aiutarli ed indirizzarli verso una formazione professionale tale da agevolarne l’inserimento o il reinserimento, nel mercato del lavoro.
  • Avviare corsi semi-professionali per adolescenti e giovani dai 14 ai 25 anni, per offrire loro un’alternativa alla strada, all’ozio e soprattutto alla delinquenza organizzata, aprendo i loro orizzonti a nuove strade, nuovi percorsi.
  • Servizio a Domicilio con preparazione di pasti da portare a domicilio, a persone anziane sole e/o ammalate e/o con disabilità e per famiglie indigenti.
  • Creare uno spazio giochi per bambini dagli 8 ai 28 mesi, per offrire alle mamme lavoratrici e non, la possibilità di svolgere il loro lavoro in piena tranquillità e sicurezza.

Come primo step abbiamo iniziato dalla realizzazione di

  • Una cucina semi-professionale con annesso un piccolo Orto-Bio, dove i giovani possono svolgere alcuni corsi pratici di cucina di base, pasticceria, rosticceria/pizzeria al fine di riscoprire i loro specifici talenti e la bellezza dell’arte culinaria; attraverso tale servizio vogliamo creare inoltre opportunità di incontri intergenerazionali attivando con gli stessi giovani il servizio di pasti a domicilio di cui sopra detto.
  • Un corso di Fotografia per quei giovani che hanno finito o interrotto il percorso scolastico e che si trovano in una situazione di precarietà socio-economica.

Sono previsti altri corsi semi-professionali che andranno ad attivarsi in base alle urgenze degli utenti.

Presto riaprirà lo Sportello Ascolto “Santa Luisa” che per motivi logistici è stato interrotto ufficialmente, ma che ufficiosamente continua con piccoli colloqui personali.

Grazie alla Divina Provvidenza e alla generosità di alcuni nostri benefattori,  che credono in questo sogno e grazie soprattutto ai nostri soci Volontari siamo riusciti ad avviare un percorso Didattico per Bambini di Scuole elementari: “Piccoli Cuochi in Amicizia” che ha visto come protagonisti principali alcune classi di seconda elementare di un circolo didattico presente sul nostro territorio; altre piccole iniziative hanno visto all’opera, Soci Volontari, professionisti del settore e adolescenti e giovani che spesso anche insieme ai loro genitori si sono sperimentanti nell’arte culinaria.

Molto è stato fatto, ma molto ancora resta da fare, considerando che la struttura, data con Contratto di comodato d’uso dalla Congregazione delle Figlie della Carità di San Vincenzo Italia, all’Associazione “Centro Amicizia”, necessita di lavori di adeguamento e messa a norma; lavori già avviati ma che richiedono un completamento che risulta impossibile effettuare     in quanto necessita di una risorsa finanziaria di cui noi oggi come Associazione di Volontariato non disponiamo.